Con il termine glicemia si intende la concentrazione di glucosio nel sangue, una sostanza fondamentale per il nostro organismo.

Nei soggetti sani i valori della glicemia dovrebbero mantenersi nell’arco della giornata intorno ai 70-110mg/100dl però in alcuni casi può accadere che tali valori risultino alterati.

Quindi nel caso in cui i valori della glicemia dovessero essere superiori a 200mg/dl è di vitale importanza rivolgersi immediatamente al proprio medico di fiducia, per discutere sul da farsi.

Ecco qui di seguito i valori della glicemia:

A digiuno:

  • tra i 70 e i 99mg/dl: i valori sono normali
  • tra i 100 e 125mg/dl: si parla di pre-diabete
  • sopra i 126 mg/dl sono da considerarsi probabili sintomi di diabete

Due ore dopo aver mangiato, ecco i valori che si possono riscontrare:

  • meno di 140mg/dl: valori prettamente normali
  • tra 140 e 200 mg/dl: si parla già di intolleranza glucidica
  • sopra 200 mg/dl: siamo di fronte a un soggetto diabetico

Per i diabetici, mantenere la glicemia bassa durante l’arco della giornata è molto importante. A tale proposito è necessario eseguire l’automonitoraggio dei livelli di glucosio presente nel sangue, attraverso una serie di operazioni quotidiane.

Nel caso invece in cui tali valori dovessero risultare molto alti, il paziente avvertirà diversi sintomi come ad esempio: sete eccessiva, pelle secca, secchezza delle fauci, sonnolenza, problemi alla vista, dimagrimento, stanchezza.

Fra le possibili cause, si segnalano l’utilizzo di alcuni farmaci come i corticosteroidi o i betabloccanti, forte stress, traumi fisici, infarto o ictus del miocardico acuto.

Per quanto concerne il trattamento, il medico prima di tutto consiglierà al paziente affetto da tale problema di seguire uno stile di vita sano e regolare caratterizzato in primis da un’alimentazione sana e corretta e di una regolare attività fisica.

In alcuni casi, anche una somministrazione diretta di insulina può rivelarsi estremamente utile.